Brexit,Ambasciatrice Morris: Gb resta partner attivo e affidabile

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 apr. (askanews) - Intervendo a un webinar promosso dallo Iai, l'ambasciatorice britannica in Italia e San Marino Jill Morris ha illustrato "L'integrad review" presentata il mese scorso dal premier Johnson. "Il documento - ha spiegato l'ambasciatrice - delinea il nuovo posizionamento geopolitico del Regno Unito. Per la prima volta in un documento sono unite le linee guida di politica estera, difesa, cooperazione del governo britannico. Pochi mesi dopo l'uscita dalla Ue il documento consente di riflettere sulla cooperazione tra Regno Unito e partner internazionali, tra cui l'Italia ha un ruolo speciale. Il Regno unito resta un partner attivo e affidabile con tutti i suoi alleati tradizionali, con una relazione speciale con Gli Usa e una particolare attenzione alla sfida con la Cina.

Il nostro impegno per la sicurezza in Europa resta incondizionato - ha aggiunto la Morris - . Le sfide come quelle sul fronte della cybersecurity sono aumentate significativamente e per questo il governo ha investito importanti risorse. Asse portante della nostra strategia sono anche gli investimenti sul fronte della ricerca, spazio, intelligenza artificiale, digitale. Sosterremo la scienza nella convinzione che questa ricopre un ruolo insostituibile come ci ha insegnato l'emergenza sanitaria dell'ultimo anno. La collaborazione con l'Italia in vista del global health summit e della conferenza Onu sul clima è decisiva.

tornando o all'economia - ha proseguito l'ambasciatrice - continueremo a sostenere i vantaggi di mercati aperti e i pregi del libero commercio che superano di gran lunga ogni interesse alla chiusura. Avremo su questo un ruolo attivo e propositivo in sede di G20, g7, Onu, e in tutte le sedi internazionali"

"Continueremo - conclude - a promuovere i valori, come la democrazia, che ci uniscono all'Europa, il continente a cui storicamente continuiamo ad appaertenere. E combatteremo per il rispetto dei diritti umani fondamentali in tutto il mondo".