Brexit, Cameron: da Johnson e Gove comportamento spaventoso

Fco

Roma, 13 set. (askanews) - L'attuale primo ministro britannico, Boris Johnson, e Michael Gove si comportarono "in modo spaventoso" durante la campagna per il referendum sull'Ue. A lanciare l'accusa è l'ex primo ministro britannico, David Cameron.

Parlando al Times prima del lancio del suo libro, l'ex primo ministro Tory ha attaccato alcuni colleghi che hanno appoggiato il Leave per "aver distrutto il governo". Cameron ha ammesso che il risultato del 2016 lo ha lasciato "profondamente depresso" e con la consapevolezza che "alcune persone non mi perdoneranno mai".

Ha inoltre sostenuto che un altro referendum non può essere escluso, "perchè siamo bloccati". L'ex capo del governo ha criticato la strategia con cui Johnson sta gestendo la Brexit, compresa la sua decisione di sospendere il parlamento prima della scadenza del 31 ottobre e di escludere i deputati Tory che hanno votato contro il blocco di una Brexit senza accordo (No Deal).

(segue)