##Brexit, clima positivo a Bruxelles, si negozia il week-end -3-

Loc

Bruxelles, 11 ott. (askanews) - La riunione ministeriale di martedì sarà dedicata alla preparazione del Consiglio europeo di Bruxelles del 17 e 18 ottobre; la speranza è che proprio a quel vertice i capi di Stato e di governo possano prendere atto della nuova possibilità di evitare la temuta uscita senza accordo ("no deal Brexit") che nei giorni scorsi stava diventando sempre più probabile.

L'Ue, nelle ultime settimane ha già accettato di non considerare più intoccabile l'Accordo di ritiro, a condizione che si trovino soluzioni alternative con effetto equivalente, e ha riconfermato le sue condizioni: nell'accordo di recesso deve esserci una soluzione giuridicamente operativa che salvaguardi il mercato unico Ue, eviti il ritorno della "frontiera dura" terrestre in Irlanda, protegga l'economia integrata a livello dell'intera Isola ("All Island economy") e preservi "in tutte le sue dimensioni" l'accordo del Venerdì Santo di Belfast che mise fine alla guerra civile.

Ma gli elementi su cui si sta negoziando, a quanto pare di capire a Bruxelles, sarebbero soprattutto delle modifiche che rendano accettabile per gli europei la proposta di "cooperazione doganale" alternativa al Backstop presentata recentemente da Johnson, e demolita senza pietà da Barnier mercoledì di fronte alla plenaria del Parlamento europeo. Le modifiche riguarderebbero in particolare (ma non solo) due punti. (Segue)