Brexit, Europarlamento: nuove proposte Gb non danno garanzie

Loc

Bruxelles, 3 ott. (askanews) - Lo "Steering Group" dell'Europarlamento sulla Brexit "non ritiene che le proposte dell'ultimo minuto del governo britannico del 2 ottobre, nella loro forma attuale, rappresentino una base per un accordo a cui il Parlamento europeo possa dare il consenso". Lo si legge in una dichiarazione pubblicata a Bruxelles dallo "Steering Group", dopo un incontro stamattina con il capo negoziatore dell'Ue per la Brexit, Michel Barnier, sulle proposte avanzate ieri dal governo britannico per una soluzione alternativa al "backstop", il dispositivo volto a evitare il ripristino di una "frontiera dura" terrestre in Irlanda.

La dichiarazione sottolinea che "le proposte non affrontano le vere questioni che devono essere risolte, vale a dire la 'all-island economy' (la piena integrazione economica di tutta l'Isola d'Irlanda, senza barriere, ndr), il pieno rispetto dell'accordo del Venerdì santo (che mise fine alla guerra civile in Irlanda del Nord, ndr) e l'integrità del mercato unico europeo".

"Mentre restiamo aperti a soluzioni praticabili, giuridicamente attuabili e serie, le proposte del Regno Unito mancano l'obiettivo e rappresentano un significativo allontanamento da impegni e obiettivi comuni", afferma ancora lo "Steering Group. (Segue)