Brexit, fonti Ue: pronti a concedere nuova proroga, se richiesta -3-

Sim

Roma, 19 ott. (askanews) - Oggi, Johnson ha detto che non chiederà un rinvio della Brexit rispetto alla data prevista del 31 ottobre, come invece prevede il Benn Act, una legge approvata dalla Camera a settembre.

Parlando in aula dopo il voto sul cosiddetto emendamento Letwin, che ha rinviato il pronunciamento di Westminster sull'accordo negoziato da Londra con Bruxelles per la Brexit a dopo l'approvazione della legge attuativa dell'intesa, il leader britannico si è detto convinto di poter ottenere il via libera dei Comuni in tempo utile perchè il Regno unito possa lasciare l'Unione il prossimo 31 ottobre, sostenendo anche l'indisponibilità di Bruxelles a nuove proroghe.

Ma secondo le fonti sentite dal Guardian, al vertice Ue di giovedì scorso è emerso con chiarezza che i leader "avrebbero concesso una proroga". "Anche Macron non ha lasciato intendere niente di diverso", ha sottolineato una fonte.