Brexit, Johnson: non ho mentito a Elisabetta

Bea

Roma, 12 set. (askanews) - Boris Johnson ha negato di aver mentito alla regina Elisabetta II a proposito dei motivi per cui le ha chiesto di sospendere per cinque settimane i lavori del Parlamento. Ieri un tribunale scozzese ha stabilito che la sospensione delle camere chiesta e ottenuta dal premier britannico è illegale e che questi avrebbe fuorviato la sovrana sul reale motivo della richiesta, che era di impedire al Parlamento di svolgere il suo ruolo istituzionale sulla Brexit.

A una domanda se abbia mentito a Elisabetta sui motivi della sospensione, Johnson ha replicato "assolutamente no". E ha aggiunto "L'alta corta inglese è d'accordo con noi, ma deciderà la Suprema corte". (Segue)