Brexit, Johnson in pressing per sì a Legge su Accordo di recesso

Coa

Roma, 22 ott. (askanews) - All'indomani dello stop ricevuto ieri dallo speaker della Camera John Bercow alla richiesta di un nuovo "voto significativo" sull'accordo di Brexit negoziato con bruxelles, il primo ministro britannico Boris Johnson torna in pressing sui Comuni e chiede di approvare in Parlamento, in seconda lettura, il "Withdrawal Agreement Bill" (Legge sull'Accordo di recesso), passo necessario per ottenere poi il via libera all'intesa di divorzio dall'Ue. In un messaggio pubblicato su Twitter, il capo del governo di Londra ha di fatto confermato le sue intenzioni, già trapelate sulla stampa britannica nelle ultime ore: "Facciamo un accordo che possa sanare questo Paese e consentirci di credere ancora una volta in noi stessi, come un Regno Unito aperto, generoso, globale, che guarda all'esterno e con un libero scambio".

"Abbiamo negoziato un nuovo accordo in maniera che si possa uscire senza turbative e fornire un quadro per una nuova relazione basata sul libero scambio e sulla cooperazione amichevole. Stiamo lasciando l'Unione Europea ma saremo sempre europei", dirà Johnson in aula, secondo le anticipazioni della stampa britannica.