Brexit, la sterlina che precipita preoccupa vacanzieri britannici

Cgi

Roma, 30 lug. (askanews) - Sulle prospettive di una Brexit nel segno di un no deal la sterlina continua a scivolare da giorni lungo a un baratro che pone molti punti di domanda, non solo sull'economia britannica. Persino chi sta per partire per le vacanze ha timore delle ripercussioni e di quanto potrebbe accadere al suo portafoglio mentre sarà all'estero.

In particolare il tasso di cambio dalla sterlina contro euro è precipitato ieri, battendo il record negli ultimi mesi. La valuta britannica ha subito il suo più grande calo di valore in un solo giorno da marzo per i timori per il no deal sulla Brexit e l'ascesa di Boris Johnson a Primo Ministro. Mentre proseguono le notizie per un accordo che appare meno probabile che mai.

Il Financial Times oggi parla di "rinnovata pressione" e con l'aumentare "del nervosismo Brexit, la valuta ha perso il 4% da fine giugno". Insomma, nonostante il neo premier Johnson profetizzi un'epoca dell'oro per Londra, nella realtà la moneta britannica è scivolata del 2,5% negli ultimi quattro giorni di borsa.

"Gli investitori - scrive Ft - sono sempre più ansiosi per la linea dura perseguita dal governo di Boris Johnson durante i colloqui sulla Brexit e il suo desiderio di allontanare il Regno Unito dall'UE entro la fine di ottobre con o senza un accordo".

Gli esperti hanno detto che potrebbe ancora esserci una caduta ulteriore, mettendo in allarme anche i vacanzieri britannici. Tanto che The Standard propone oggi altri mezzi per mettere al sicuro le vacanze all'estero, con carte prepagate in altre valute per bloccare il tasso di cambio odierno e per utilizzarlo in seguito senza alcun costo.