Brexit, minacciò di morte deputati: carcere per un londinese

Ihr

Roma, 2 ago. (askanews) - Un londinese di 64 anni è stato condannato a 18 settimane di carcere per aver minacciato di morte via telefono alcuni parlamentari, accusandoli di voler rallentare o impedire la Brexit.

Secondo il Cps, il servizio penale britannico, Robert Vidler ha cercato di contattare sei deputati tra l'8 e il 24 gennaio: ha fatto loro un totale di 19 chiamate, tra cui 16 messaggi vocali contenenti minacce di morte. Lui nega di esserne l'autore e si dichiara non colpevole.

I funzionari incaricati di ascoltare i messaggi si "sono allarmati per queste dichiarazioni e hanno considerato i suoi commenti delle minacce contro i deputati", ha spiegato la procuratrice Sarah Jennings del Cps, citata in un comunicato. (Segue)