Brexit, no-deal ancora possibile nonostante progressi - Von der Leyen

·1 minuto per la lettura
La presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen durante una sessione plenaria al Parlamento europeo a Bruxelles

BRUXELLES (Reuters) - Nei colloqui sulla Brexit sono stati compiuti "veri progressi", ma il rischio che la Gran Bretagna lasci la Ue senza un nuovo accordo commerciale il 31 dicembre permane, e l'Unione è preparata.

Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Gran Bretagna e Ue stanno compiendo un ultimo sforzo per concordare i termini per mantenere il commercio senza dazi o quote dall'inizio del 2021, dopo la fine dell'attuale periodo di transizione per l'uscita di Londra dal blocco.

"I prossimi giorni saranno decisivi", ha detto von der Leyen. "L'Unione europea è ben preparata per uno scenario senza accordo, ma ovviamente preferiamo raggiungerlo", ha aggiunto.

"Con pochissimo tempo rimasto a disposizione, faremo il possibile per raggiungere un accordo. Siamo pronti a essere creativi. Ma non siamo pronti a mettere in discussione l'integrità del nostro mercato unico", ha detto durante un discorso al Parlamento europeo.

I negoziatori hanno concordato lo schema di un nuovo trattato di partenariato su beni e servizi, così come sui trasporti, ha detto, aggiungendo che sono stati fatti "progressi reali" su questioni che vanno dalla cooperazione giudiziaria al coordinamento dei sussidi.

Un funzionario europeo coinvolto nei negoziati ha detto che un accordo è possibile ma probabilmente non prima del fine settimana, al più presto.

I tre principali ostacoli sono la ripartizione delle quote di pesca e l'accordo sull'accesso alle acque; la ricerca di modi per risolvere le controversie future; la garanzia del fair play economico per le imprese, anche riguardo agli aiuti di Stato.

((Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614))