Brexit, raggiunto accordo Londra-Bruxelles, ma Dup non ci sta

Orm/Dmo/Sim

Roma, 17 ott. (askanews) - Il premier britannico Boris Johnson ha annunciato che con Bruxelles è stato raggiunto "un grande nuovo accordo" sulla Brexit. Un accordo che il presidente della Commissione europea Jean-Calude Juncker ha definito "equo e bilanciato per l'Ue e per il Regno unito". Ora la parola passa al parlamento britannico, come ha fatto subito notare Johnson, ma il via libera dei deputati, sabato, non è affatto scontato: gli unionisti nordirlandesi del Dup hanno già fatto sapere che la loro posizione "non è cambiata", ovvero non intendono sostenere l'accordo.

"Abbiamo raggiunto un nuovo grande accordo, che ci restituisce il controllo della situazione. Ora il parlamento dovrebbe concretizzare la Brexit sabato, in modo da poterci poi concentrare su priorità come il costo della vita, il servizio sanitario nazionale, la criminalità e l'ambiente", ha scritto Johnson sul suo account Twitter.

"Dove c'è una volontà, c'è un accordo. Noi ne abbiamo uno. E' un accordo equo e bilanciato per l'Ue e per il Regno unito ed è la testimonianza del nostro impegno nel trovare soluzioni. Raccomando che il Consiglio Ue appoggi questo accordo", ha affermato via Twitter Jean-Calude Juncker.

Ma subito dopo l'annuncio dell'accordo, gli unionisti nordirlandesi del Dup hanno fatto sapere che la loro posizione "non è cambiata" rispetto al comunicato diffuso questa mattina in cui affermavano di non poter sostenere l'intesa proposta dal leader britannico.