Brexit, respinto ricorso: la sospensione del Parlamento è legale

Brexit, respinto ricorso: la sospensione del Parlamento è legale

Londra, 6 set. (askanews) – La sospensione del parlamento decisa dal premier britannico Boris Johnson è legale. Lo ha stabilito l’Alta Corte che ha respinto un’azione legale contro la decisione del primo ministro presentata dall’imprenditrice Gina Miller, figura di punta del movimento anti-Brexit.

“Siamo molto delusi dalla decisione dei giudici – ha detto Miller all’uscita dal tribunale – siamo convinti che il parlamento e la sua sovranità sia fondamentale per la stabilità e il futuro del nostro Paese e valga la pena lottare per difenderla”.

Miller ha intenzione di fare appello, che sarà dibattuto alla Corte Suprema il 17 settembre, tempi ristretti vista l’importanza della questione per il Paese.

Johnson ha annunciato il 28 agosto di voler chiudere il parlamento per cinque settimane prima del Discorso della regina il 14 ottobre, venendo accusato di voler così impedire ai suoi oppositori di approvare una legge che avrebbe scongiurato il No Deal, l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea il 31 ottobre senza un accordo.