Brexit, Sefcovic: "Saremo risoluti, ma l'Ue tiene le porte aperte al negoziato con Londra"

Nonostante sei anni di negoziati difficili e minuziosi, la Brexit continua a generare tensioni. Si dice che le relazioni tra l'Unione europea e il Regno Unito siano ora ad un nuovo minimo storico, dopo la decisione del governo britannico di violare unilateralmente parte del Protocollo dell'Irlanda del Nord, l'accordo che mantiene l'Irlanda del Nord all'interno del mercato unico europeo. Il Protocollo garantisce che tutte le parti rispettino l'Accordo di pace del Venerdì Santo. Ne abbiamo parlato con Maros Sefcovic, vicepresidente della Commissione europea e principale negoziatore di Bruxelles per la Brexit.

**Ci parli prima di tutto della minaccia al mercato unico e della decisione del governo britannico. In che modo potrebbe danneggiare il mercato unico?
**

Come sapete le nostre relazioni con il Regno Unito, e in particolare il Protocollo, l'accordo di recesso e quello sul commercio, si basano sulla fiducia. Se si presenta un disegno di legge che prevede dei controlli solo su ciò che entra nel mercato unico europeo, senza che vengano fatti i controlli necessari su ciò che entra in Irlanda del Nord, la fiducia viene gravemente danneggiata.

Quello che propone il Regno Unito sul mercato unico non è molto diverso dalla visione dell'Unione europea: una corsia preferenziale, una via verde, attraverso cui le merci possano arrivare e restare in Irlanda del Nord, in modo da avere meno controlli. Ma se non ci sono controlli, cosa potrebbe accadere se, per esempio, dalla Repubblica d'Irlanda entrassero nel mercato unico europeo alcune colture e prodotti animali non autorizzati?

Senza controlli, molto semplicemente, potremmo ritrovarci con delle merci illegali, non conformi agli standard dal punto di vista della salute pubblica o della salute degli animali, o potremmo vedere un aumento del contrabbando illegale.

Il Regno Unito, ovviamente, lo fa per necessità. Lei dice che il Regno Unito non si è mosso nelle discussioni da febbraio. Quindi, qual è il problema? Ci parli della situazione dal suo punto di vista.

Devo dire che da marzo dell'anno scorso non abbiamo visto alcuna proposta costruttiva da parte del Regno Unito. In aggiunta sono state messe sul tavolo nuove questioni molto complesse. E posso anche dire che, avendo parlato regolarmente con i rappresentanti delle imprese nordirlandesi, con i leader politici e con la società civile, molte di queste questioni portate sul tavolo dal governo britannico non sono mai state menzionate dalla popolazione dell'Irlanda del Nord. Per questo ci siamo concentrati molto sul lato pratico, vogliamo risolvere alcune delle conseguenze indesiderate per assicurarci di poter gestire il protocollo in modo fluido e ridurre al massimo i controlli necessari.

Lei ha parlato di un procedimento legale contro il Regno Unito. Se questo disegno di legge dovesse passare alla Camera dei Comuni, cosa che potrebbe richiedere circa un anno, significa che Bruxelles congelerà l'accordo di libero scambio con Londra?

La prima affermazione importante è che consideriamo questo progetto di legge chiaramente illegale. È contro il diritto internazionale. Non lo consideriamo serio o equo a causa di alcuni degli aspetti che ho già menzionato, come il fatto che il Regno Unito decida che tipo di merci debbano arrivare nell'Unione europea, impedendoci di esercitare un controllo effettivo su questo flusso di merci. Quindi quello che faremo, innanzitutto, è proteggere il mercato unico con questa azione legale. Saremo calmi e risoluti, ma allo stesso tempo proporzionati nella nostra risposta. Inoltre, i nostri prossimi passi saranno graduali perché vogliamo mantenere aperte le porte del negoziato. Ma naturalmente, se questo disegno di legge viene approvato così com'è, non posso escludere nulla, e tutte le opzioni devono essere sul tavolo.

Lei ha parlato di tenere la porta aperta. Crede che il premier britannico Boris Johnson o il ministro degli Esteri Liz Truss siano partner affidabili?

Ho detto all'inizio che le nostre relazioni, soprattutto se su questioni delicate come l'accordo di recesso, quello sul commercio e soprattutto il protocollo, si basano sulla fiducia. E devo dire che, con questa bozza di legge introdotta dopo 18 mesi di discussioni, questa fiducia è gravemente danneggiata.

Quali potrebbero essere le implicazioni per l'Irlanda del Nord se non si risolve la questione? Perderà l'accesso al mercato unico europeo? E cosa mi dice della fragilità dell'accordo di pace?

Penso che una delle conseguenze sarebbe l'incertezza. Parlando con le imprese nordirlandesi, la cosa che ci sentiamo chiedere più spesso è di mettersi al tavolo, trovare una soluzione comune e risolvere il problema. Abbiamo bisogno di certezza del diritto. Abbiamo bisogno di prevedibilità per le nostre imprese. I nostri investitori esitano perché non sanno se l'azienda in cui vorrebbero investire in Irlanda del Nord produrrà per 5, 50 o 500 milioni. Secondo i dati economici dell'ultimo anno l'Irlanda del Nord si è sviluppata abbastanza bene rispetto ad altre regioni dell'Unione europea. Per quanto riguarda la pace, questa per noi è stata una priorità fin dall'inizio. Come sapete l'Unione europea ha sostenuto l'Accordo del Venerdì Santo fin dal primo giorno. Abbiamo sempre sostenuto l'intesa finanziariamente, politicamente ed economicamente. Ho visto alcuni dei progetti sponsorizzati, come Flurrybridge e Shankill Road, e ho visto il tipo di cambiamento e di trasformazione che è stato realizzato negli ultimi anni. Penso che dovremmo tenerne conto, farne tesoro e creare un ambiente favorevole alla stabilità della pace.

Crede che questa azione del Regno Unito sia per il bene dell'Irlanda del Nord, come sostiene Londra, o sia legata soprattutto a questioni di politica interna?

Penso che sia un'iniziativa politica guidata da Londra. Per noi ciò che è importante in queste relazioni, l'ho detto più volte e sono felice di ripeterlo, è che non cerchiamo una vittoria politica in Irlanda del Nord. Vogliamo solo che questi problemi siano risolti in modo da poter consolidare quella che spero sarà ancora una volta una relazione buona e prospera con il Regno Unito: creando queste opportunità per l'Irlanda del Nord e, naturalmente, sostenendo la pace e appoggiando l'Accordo del Venerdì Santo in tutte le sue dimensioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli