Brexit senza fine, il voto può slittare

webinfo@adnkronos.com

Se l'emendamento Letwin verrà approvato oggi dalla Camera dei Comuni, il governo rinvierà il voto sull'accordo per la Brexit a martedì prossimo. Lo hanno riferito fonti di Downing Street citate da Sky News. L'emendamento Letwin, presentato dall'ex sottosegretario conservatore Oliver Letwin e ammesso al voto dell'aula dallo speaker dei Comuni John Bercow, è l'ultima arma, in ordine di tempo, messa in campo dai cosiddetti 'remainers'.  

L'emendamento, sostenuto dalle opposizioni, chiede che anche in caso di approvazione dell'accordo sulla Brexit appena raggiunto tra Londra e Bruxelles, l'uscita del Regno Unito dalla Ue sia rinviata a dopo il 31 ottobre, se entro quella data non sarà approvata dal Parlamento tutta la legislazione necessaria a rendere valido l'accordo.  

Si tratta, nelle intenzioni dei 'remainers', di una "polizza di assicurazione" per costringere il premier Boris Johnson a chiedere un rinvio della Brexit e scongiurare un'uscita 'disordinata' dalla Ue. Johnson, in base al Benn Act, la cosiddetta 'legge anti-no deal' approvata nelle scorse settimane, sarebbe comunque costretto ad inviare entro le 23 di stasera una lettera a Bruxelles per chiedere un rinvio della Brexit, se il suo accordo non sarà approvato dal Parlamento. 

Poiché l'emendamento Letwin dovrebbe essere messo al voto prima dell'accordo sulla Brexit, la sua approvazione vanificherebbe di fatto l'eventuale vittoria ottenuta da Johnson. Il governo teme che ij caso di approvazione dell'emendamento Letwin, i deputati contrari alla Brexit potrebbero essere incoraggiati a presentare la prossima settimana nuovi emendamenti alla legislazione sulla Brexit, tra i quali la richiesta di un secondo referendum.