Brexit, su quanti voti può contare Johnson e quanti ne ha bisogno

Bea

Roma, 19 ott. (askanews) - Il premier britannico Boris Johnson ha bisogno della maggioranza dei voti della Camera dei Comuni per avere il via libera al sua accordo con la Ue sula Brexit, cioè dell'assenso di 320 deputati. Secondo i calcoli della Bbc il premier dispone al momento di 310 deputati a favore, contro 302 che si sono espressi per un voto contrario. Mancano all'appello 27 deputati, ancora indecisi o che preferiscono non rivelare come voteranno.

Posto da quando è premier, la Camera ha votato contro di lui la maggior parte delle volte, Johnson per l'occasione ha ottenuto il sostegno dei falchi della Brexit del suo partito conservatore, i cosiddetti spartani, circa 28, mentre i dieci deputati unionisti nordirlandesi hanno confermato il loro no all'intesa. Vi sarebbero poi 12 deputati laburisti eletti in collegi che hanno votato a favore della Brexit pronti a disobbedire all'ordine di scuderia del partito di bocciare l'intesa. In ordine sparso i 21 Tory ribelli, espulsi per essersi schierati contro l'eventualità di un no deal: molti di loro sono disposti a votare per l'accordo.