Brexit, Tusk: da premier irlandese "segnali promettenti" su intesa

Bea

Roma, 11 ott. (askanews) - Il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk, pur avvertendo che non c'è alcuna garanzia di giungere a un accordo, ha detto di aver ricevuto dal premier irlandese "segnali promettenti" sulla possibilità di arrivare a un divorzio concordato con la Gran Bretagna. Questo all'indomani di un incontro tra il premier Leo Varadkar e il collega britannico Boris Johnson al termine del quale i due capi di governo hanno detto di vedere "un percorso verso un possibile accordo".

Premettendo che "Il Regno unito non ha ancora avanzato una proposta realistica e fattibile" sulla Brexit, Tusk, al termine di un incontro con il presidente cipriota Nicos Anastasiades, ha detto di aver "ricevuto segnali promettenti dal Taoiseach (il premier irlandese) che un accordo è ancora possibile".

"Mentre parliamo, a Bruxelles sono in corso colloqui tecnici. Naturalmente, non esiste alcuna garanzia di successo e il tempo è praticamente scaduto. Ma anche la minima possibilità deve essere sfrutta. La Brexit no deal non sarà mai la scelta dell'Europa" ha concluso Tusk.