Brexit, possibile svolta nei negoziati

webinfo@adnkronos.com

La Ue considera le proposte del Regno Unito sufficienti a negoziare un nuovo accordo per la Brexit. Lo rendono noto fonti della Ue le quali hanno spiegato che gli ambasciatori che rappresentano i membri della Ue hanno dato "luce verde" ad accelerare i negoziati, nella speranza di giungere ad un'intesa per il vertice europeo di giovedì prossimo. Così il negoziatore della Ue Michel Barnier ha ottenuto un accordo per avviare intensi negoziati "tunnel" sulle ultime proposte di Boris Johnson.  

La Gran Bretagna e l'Unione europea hanno dunque deciso di "intensificare le discussioni" nei prossimi giorni, ha reso noto con un comunicato la Commissione europea, dopo che Barnier ha aggiornato gli ambasciatori dei Paesi membri sui colloqui con la controparte britannica. "La posizione della Ue rimane la stessa" continua la dichiarazione, sottolineando che ogni accordo deve contenere "soluzioni legalmente operative" che evitino il ritorno ad un confine vero e proprio nell'isola di Irlanda, mentre proteggono l'economia dell'isola, gli accordi di pace del Venerdì Santo ed il mercato unico della Ue. La commissione- conclude il comunicato - valuterà l'andamento dei progressi lunedì prossimo. 

Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, aveva detto di aver ricevuto "segnali promettenti" sulla possibilità di arrivare ad una soluzione che eviti una Brexit con il 'no deal' alla fine di ottobre, dopo che Boris Johnson e Leo Varadkar hanno detto di vedere "un cammino verso un possibile accordo". "Ho ricevuto segnali positivi da parte del premier irlandese riguardo alla possibilità che l'accordo sia ancora possibile", ha dichiarato Tusk parlando a Nicosia, sottolineando di credere che vi siano ancora i margini per un accordo, anche se "praticamente" il tempo è quasi scaduto e "non vi sono garanzie di successo".