Briatore: "Rischiamo guerra civile, cacciare incapaci da Ema e Aifa"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

"Rischiamo la guerra civile, la gente non ne può più". Flavio Briatore si esprime così a Cartabianca nella giornata caratterizzata dalla protesta dei ristoratori a Montecitorio. "Si sapeva già un anno fa che gli anziani morivano, il 90% nelle terapie intensive erano anziani e fragili. Non abbiamo capito che bisognava vaccinare fragili e anziani. La gente non ne può più, chi non ha uno stipendio è disperato, è alla rovina. Se non ci diamo una mossa con questi vaccini, rischiamo la guerra civile", dice il manager, che si rivolge in maniera colorita al sottosegretario Pierpaolo Sileri: "Mandate via questi incapaci dell'Ema e dell'Aifa, mandate via questi soloni", dice. "Ci vuole gente che abbia coraggio".

Briatore è protagonista di un acceso botta e risposta con Bianca Berlinguer sul tema della Sardegna. "In Italia siamo specialisti nel farci male, quest'estate su tutti i giornali del mondo parlavamo di focolai. In Sardegna, ad agosto, zero morti", dice Briatore. "Ma in Sardegna i focolai ci sono stati, in Costa Smeralda", replica la giornalista. "Non ci sono stati", insiste Briatore. "Come no? Nel suo locale non c'è stato un focolaio con 60 contagiati?", chiede Berlinguer. "Non è vero, sono numeri sbagliati. Io sono stato contagiato a Montecarlo. Si sta sbagliando, la Sardegna era covid free a luglio. Ad agosto ha avuto 800 contagiati su 2,5 milioni di persone. E zero morti".