Brindisi: arrestati dopo inseguimento in mare contrabbandieri sigarette

(ASCA)- Brindisi, 27 mag - La Guardia di finanza di Brindisi ha intercettato nella notte un carico di sigarette di contrabbando proveniente dal Montenegro e, dopo un lungo inseguimento in acqua, arrestato i due italiani a bordo dello scafo. Unita' aeronavali della Guardia di finanza - ricostruisce una nota - hanno intercettato un possibile obiettivo che, con rotta Nord-Sud, si avvicinava alle coste brindisine: una volta entrato in acque territoriali, lo scafo ha ignorato l'intimazione di arresto nel tentativo di riprendere in ogni modo il largo. Dopo circa mezzora di inseguimento - durante il quale i contrabbandieri hanno tentato manovre di ''sganciamento'' a massima velocita' nonostante il buio assoluto - una vedetta veloce della Guardia di finanza e' riuscita ad abbordare lo scafo, risultato effettivamente carico di sigarette di contrabbando. Ammonta a circa 350 kg il carico di sigarette, di marca ''Yesmoke'', sequestrato insieme allo scafo, lungo 12 metri con motori entro-fuoribordo da 450 CV ciascuno. Contestualmente, lungo la costa, a sud di Brindisi, nel luogo del probabile sbarco, i militari della Guardia di finanza, hanno rinvenuto e sequestrato (a carico di ignoti) un'autovettura ''Fiat Bravo'', risultata rubata il giorno precedente e che sarebbe, presumibilmente, servita da li' a poco per il trasporto delle sigarette di contrabbando. I due contrabbandieri, di 43 e 55 anni entrambi residenti in provincia di Brindisi, sono stati arrestati in flagranza di reato.

Ricerca

Le notizie del giorno