Britney Spears denuncia il padre: "Mi ha fatto sentire una nullità"

A cardboard cutout of singer Britney Spears is seen as her supporters gather outside the Stanley Mosk Courthouse on the day of her conservatorship case hearing, in Los Angeles, California, U.S. November 12, 2021. REUTERS/Mike Blake
Britney Spears denuncia il padre: "Mi ha fatto sentire una nullità"

Dopo essersi tolta da Instagram, Britney Spears ha rilasciato alcune dichiarazioni shock, rivolgendo accuse pesanti al padre.

VIDEO - Britney Spears: ‘Non è vero che i miei figli non vogliono vedermi per i miei post’

La celebre pop star americana ha pubblicato un messaggio audio, poi cancellato, in cui racconta gli abusi subiti durante i 13 anni di tutela esercitata dal padre a causa dei disturbi psicologici della star. Iniziata nel 2008 e conclusa con una decisione del tribunale di Los Angeles il 12 novembre, la tutela era sotto l’autorità di Jamie Spears.

LEGGI ANCHE: Britney Spears, il post è inquietante: "Ho bisogno di un miracolo"

Nei 22 minuti di racconto, la cantante ha confidato i 13 anni di vita sotto il "controllo" di suo padre. "Che c***o ho fatto per meritarmi questo", è lo sfogo di Britney, che accusa la famiglia di averla "letteralmente uccisa". L’artista si scaglia in particolare contro il padre, accusato di averla "punita" durante la sua tutela, impedendole di "vedere qualcuno o dire qualsiasi cosa". La tutela era per lei "premeditata": "Tutto era organizzato. Senza droghe, senza alcol, senza niente. Puro abuso", ha aggiunto.

La tutela, ricorda la star statunitense, è iniziata quando aveva circa 25 anni e agli inizi sarebbe persino stata trattenuta su una barella, in un'ambulanza. Poi "ogni giorno mi dicevano che ero grassa e dovevo andare in palestra. Non ricordo di essermi mai sentita così demoralizzata. Mi hanno fatto sentire una nullità. L'ho seguito perché avevo paura. Ero spaventata".

LEGGI ANCHE: Elton John e Britney Spears, uscito l'attesissimo duetto 'Hold Me Closer'

Sono diversi i momenti di difficoltà attraversati dalla Spears. "Sono andata alle prove e ho detto di no a una mossa di ballo. Ricordo solo che tutto è diventato davvero strano e tranquillo. I registi e i produttori sono andati nella stanza sul retro e hanno semplicemente parlato", ha raccontato. Il giorno dopo, "mi è stato detto che dovevo essere mandata in una struttura e che avrei dovuto comunicare Instagram che mio padre era malato e bisognoso di cure".

GUARDA ANCHE - Britney Spears entra per la prima volta in un cocktail bar: la reazione

Poi sono arrivate le minacce del padre, che pare fosse pronto a muovere contro di lei azioni legali. "Ho smesso di credere in Dio in quel momento, perché non sapevo come potessero esserci 40 persone al giorno che uscivano di casa e mi guardavano mentre mi cambiavo ed ero sotto la doccia. Nessuna privacy, nessuna porta, niente", ha rivelato. "Come hanno fatto a farla franca e cosa c***o ho fatto per meritarlo? Non potevo nemmeno fumare sigarette", ha aggiunto.

La madre esprime invece la sua solidarietà alla figlia, dedicandole un post su Instagram.