Brosio: ''Su Unioni Civili il Papa chiarisca, non equiparabili a matrimonio cristiano''

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

(di Alisa Toaff)

''Le Unioni Civili sono già disciplinate dal Codice Civile ma il Papa si deve pronunciare su una cosa molto importante: dal punto di vista legale le Unioni Civili devono essere equiparabili al matrimonio cristiano, alla famiglia naturale? Perché se fosse così allora sarebbe completamente diverso da quello che c'è scritto sul Vangelo, sull'Antico Testamento perché tutto è basato sulla procreazione''. Così Paolo Brosio all'Adnkronos sull’apertura di Papa Francesco alle unioni civili.

Se non si chiarisce questo aspetto, prosegue Brosio, ''si crea un'equiparazione legale tra coppie omosessuali e coppie eterosessuali e i giudici potrebbero, in un riscorso ad esempio, concedere legalità alla così detta pratica della maternità surrogata e dell'utero in affitto. Questo avrebbe conseguenze deleterie dal punto di vista etico! La donna diventa una sorta di market delle nascite, una donna schiava a cui viene strappato il bambino appena partorisce, bambino che non vedrà mai più''.

''Se questo è quello che vuole il Papa io rabbrividisco -sottolinea- ma conoscendolo non penso che sia così. E' giusto riconoscere i diritti degli omosessuali, le unioni civili già esistono, ma non possono essere equiparate a un matrimonio tra uomo e donna. Il Papa lo deve dire sennò lo dico io! Se non viene detto il rischio è che le unioni civili diventino un trampolino per le alchimie della maternità surrogata'', conclude.

(di Alisa Toaff)