Bruce Springsteen vende il suo catalogo di canzoni alla Sony per 500 milioni di dollari

·1 minuto per la lettura
REUTERS/Mario Anzuoni
REUTERS/Mario Anzuoni

Bruce Springsteen ha venduto i diritti per il suo intero catalogo musicale alla Sony per circa 500 milioni di dollari.

A riportare la notizia Billboard e New York Times. La vendita, scrivono le testate americane citando fonti informate, include non solo il catalogo dei brani incisi da The Boss, ma anche il suo lavoro da autore.

Tra le canzoni ci sono classici come 'The River' o 'Born in the Usa'. Quest'ultimo, che è considerato il suo più grande successo, è stato 15 volte disco di platino e ha venduto 15 milioni di copie negli Stati Uniti e 30 milioni in tutto il mondo.

GUARDA ANCHE: "Renegades - Born in the Usa" di Barack Obama e Bruce Springsteen

Negli anni '90 il rocker ha persino vinto un Oscar per la canzone del film drammatico sull'AIDS "Philadelphia" con di Tom Hanks.

Springsteen è solo l'ultimo di una serie di artisti che, con l'approssimarsi della fine della carriera e in tempi di crisi discografica, hanno venduto i diritti delle proprie canzoni. Come ricorda la Bbc, la Warner Music ha acquistato i diritti mondiali della musica di David Bowie a settembre e Bob Dylan ha venduto il suo catalogo di oltre 600 canzoni nel dicembre dello scorso anno alla Universal Music Group per 300 milioni di dollari.

GUARDA ANCHE: Bruce Springsteen contro Trump: «Metti quella ca**o di mascherina»

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli