Bruciò moglie e badante in casa: scarcerato per motivi sanitari

·1 minuto per la lettura
Miglioranza scarcerato per problemi di salute
Miglioranza scarcerato per problemi di salute

Sergio Miglioranza, l’uomo accusato di aver ucciso la moglie Franca Fava e la badante Fiorella Sandre incendiando la sua abitazione, è stato scarcerato per problemi di salute: il giudice per le indagini preliminari di Treviso ha accolto l’istanza presentata dai suoi avvocati e gli ha concesso gli arresti domiciliari a casa di un amico.

Miglioranza scarcerato per problemi di salute

La decisione è giunta dopo la constatazione del peggioramento delle sue condizioni di salute ma anche del fatto che non vi sia alcun pericolo di fuga o di reiterazione del reato. Una scelta che ha destato molto sconforto tra i familiari delle vittime. La figlia della badante e amica della moglie dell’uomo l’ha definita “un’altra batosta” dopo “il colpo terribile ricevuto nello scoprire che Sergio le avrebbe uccise e che non si è trattato di un incidente“.

L’uomo dovrà rimanere agli arresti domiciliari prima di rispondere davanti alla magistratura delle accuse di incendio aggravato, omicidio delle due donne aggravato dalla premeditazione e violazione di sigilli.

I fatti

La vicenda risale al 10 giugno 2020 quando, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Sergio avrebbe incendiato la sua abitazione mettendo all’interno e all’esterno una decina di inneschi tra cui bombole di gas. Dopo aver cosparso tutto di benzina avrebbe poi aperto i rubinetti del gas scatenando un incendio da cui le due donne non sono riuscite a fuggire.

Il movente sarebbe da ricercare nell’ottenimento dei premi assicurativi di 950 mila euro sui danni provocati dal rogo. L’uomo continua a negare di aver deliberatamente dato fuoco alla casa e a sostenere che le fiamme sarebbero divampate da un fornelletto posto all’esterno della casa.