Bruciarono viva una ragazza, 16 condanne a morte in Bangladesh

webinfo@adnkronos.com

Sedici persone tra cui il responsabile di una scuola islamica sono state condannate a morte in Bangladesh per aver bruciato viva e ucciso una ragazza, 'colpevole' di aver accusato di molestie sessuali il preside. Nusrat Jahan, 19 anni, era morta in un ospedale di Dacca il 10 aprile scorso, quattro giorni dopo essere stata aggredita nella scuola di Feni, 160 chilometri dalla capitale. 

La giovane, un paio di settimane prima, aveva denunciato il preside, sostenendo che l'uomo, dopo averla convocata nel suo ufficio, l'aveva toccata in maniera inappropriata. Siraj Ud Dawla era stato immediatamente arrestato, ma, dinanzi al rifiuto della 19enne di ritirare le accuse, era scattato il piano per farla fuori. Il 6 aprile scorso, giorno degli esami finali, era stata attirata sul terrazzo e lì un gruppo di persone con indosso un burqa le aveva dato fuoco, tentando di far apparire la morte della ragazza come un suicidio.  

Ma Nusrat, sopravvissuta per qualche giorno con ustioni sull'80% del corpo, dal letto dell'ospedale era riuscita a raccontare le circostanze dell'incidente prima di morire.