Brunetta: colf? Obbligo green pass vale dove si può controllare

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 set. (askanews) - "Il criterio base seguito da Draghi, che ha avuto il nostro consenso, è di volere l'applicazione del green pass ovunque fosse possibile controllare, quindi nei posti di lavoro. Dove c'è una porta di accesso si applica il green pass. Se il professionista è un lavoratore autonomo è tenuto al green pass, poi si regolerà con i suoi clienti in ragione a specifici protocolli previsti per la sua professione". Lo ha detto il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta rispondendo a chi gli chiedeva se l'obbligo di green pass varrà anche per l'accesso agli studi di liberi professionisti o per colf e badanti.

"Il criterio è stato dove era possibile controllare, dove non è possibile ancora controllare come sui trasporti locali evidentemente non è ancora implementata l'obbligatorietà del green pass. Il green pass così esteso è per riaprire le città, le attività economiche, i servizi ai citadini, per avere più crescita e normalità", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli