Brunetta: decreto fiscale tradisce i numeri della Nadef

Pol/Vlm

Roma, 10 ott. (askanews) - "La bozza del collegato fiscale, come afferma Enrico Zanetti, conferma che anche le previsioni più ottimistiche del Governo sul pacchetto di misure antievasione e antifrode non arrivano a raggiungere nemmeno la metà dei 7 miliardi previsti dalla Nota di Aggiornamento al DEF. Lascia davvero senza parole l'apprendere che, dopo anni passati ad attaccare in ogni modo la società di riscossione Equitalia, il Movimento Cinque Stelle si appresti ora a varare norme che attribuiscono ai Comuni gli stessi poteri nella fase di riscossione dei tributi locali". Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.

"Un decreto fiscale che, in sintesi, tradisce le attese dei cittadini, i numeri contenuti nella Nadef e pure quel minimo sindacale di dignità politica che c'è tra il dire e il fare. Apprestiamoci quindi a vedere l'ennesimo salasso fiscale, soprattutto sugli immobili, fatto da un Governo a corto di risorse, utili per finanziare la sua costosa politica economica "tassa e spendi"", conclude.