Brunetta: FI responsabile se governo parte da centrodestra

Fdv

Roma, 20 ago. (askanews) - "Noi giudichiamo irresponsabile aver aperto una crisi al buio, in agosto, con ripercussioni spaventose sulla credibilità del nostro paese". Così Renato Bruenetta di Forza Italia a Radio 24.

"Serve un governo, si assuma chi vuole la responsabilità. Mattarella è il dominus di questa fase, dopo le probabili dimissioni di oggi pomeriggio del presidente Conte. Noi giudichiamo assolutamente negativo il governo uscente. Negativo il fatto che Salvini abbia aperto questa crisi di fatto consegnando l'Italia, il governo, all'estrema sinistra: perché è di estrema sinistra il movimento 5 stelle e di sinistra, non so più come definirla, il Partito Democratico".

"Noi siamo stati all'opposizione del mostro democratico Lega-5 stelle, saremo all'opposizione del mostro democratico Pd-5stelle", dice poi Brunetta. "Dopodiché, siccome pensiamo che le elezioni siano una iattura, con una crisi aperta ad agosto al Papete beach, penso sia una cosa che non ha riscontro nella storia parlamentare del nostro paese".

Brunetta, però, non nega la possibilità di Forza Italia a partecipare ad un governo di responsabilità nazionale, possibile, secondo l'esponente di Forza Italia "di fronte a un governo che si formasse in Parlamento e si esplicitasse nei colloqui con il presidente della repubblica, in cui tutti i gruppi parlamentari facessero un passo indietro per la salvezza del paese, per fare la manovra per gestire questa fase difficilissima della recessione". Soltanto a quel punto, "di fronte a tutto questo noi che siamo il secondo/terzo gruppo parlamentare in Parlamento abbiamo il dovere di essere presenti e di dare senso di responsabilità: non possiamo tirarci fuori. Io l'ho già detto, la nostra formula di governo è: ripartiamo dagli esiti delle elezioni del 4 di marzo. Ripartiamo dal centro destra unito che ha avuto il 37% dei voti e troviamo in Parlamento (adesso ci sarebbero a iosa) i voti mancanti per governare. Questa è la proposta: partiamo dal centro destra unito e troviamo i 50 deputati e 25 senatori che mancano per fare una maggioranza da proporre al Presidente della Repubblica".