Brunetta: governo vuol camuffare stangata fiscale

Pol-Afe

Roma, 28 set. (askanews) - "L'esecutivo si deve essere accorto che ci sono gli impegni sottoscritti dall'ex ministro Giovanni Tria con Bruxelles da rispettare, che prevedono una forte operazione di spending review e il taglio delle spese fiscali. Ecco, allora, che il Tesoro le sta studiando tutte per camuffare la nuova stangata fiscale derivante dal taglio dei bonus fiscali a quello della spesa pubblica. L'elemento di distrazione di massa è così diventato la 'lotta all'evasione e al contante', in nome della quale tutto diviene giustificabile. E così, sul tavolo di palazzo Chigi, si sta facendo largo l'idea di subordinare le detrazioni fiscali al pagamento delle spese con strumenti elettronici. Peccato che una tale soluzione sia regressiva, poiché sono i più ricchi che pagano con carte di credito e bancomat e che quindi avrebbero più diritto a ricevere detrazioni. L'alternativa è un taglio secco, di qualche punto percentuale. Ma sarebbe una stangata fiscale". Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.