Brunetta: peggioramento crescita obbligherà a manovra restrittiva

Luc

Roma, 6 ago. (askanews) - "Il Governo spera ancora in un aumento del Pil nel secondo semestre dell'anno per puntare ad una crescita per il 2019 del +0,2%, anche se gli istituti di previsione stimano invece una crescita zero. Se la situazione internazionale dovesse peggiorare è però molto probabile che la produzione industriale, l'export e quindi il Pil del nostro Paese scendano più del previsto. Il Governo avrà quindi questa ulteriore situazione avversa da considerare nella prossima NADef e nella Legge di Bilancio. Le risorse a sua disposizione saranno ancora minori delle attese, una situazione che obbligherà l'Esecutivo a fare una manovra ancora più restrittiva. Con queste cifre, flat tax, salario minimo e taglio del cuneo fiscale sono letteralmente impossibili da fare, nei limiti del deficit (massimo 1,8%) imposto da Bruxelles". Lo scrive in una nota Renato Brunetta, deputato e responsabile economico di Forza Italia.