Bruno Santori racconta il suo ultimo disco e il lavoro con la Mediterranean Orchestra

·1 minuto per la lettura
Bruno Santori nuovo album
Bruno Santori nuovo album

Pianista, arrangiatore, compositore e direttore d’orchestra italiano di fama internazionale, Bruno Santori vanta una sensibilità artistica profonda e raffinata che trasmette in musica delicata e intensa. Nasce così il suo nuovo album, “The Best Movie Soundtracks – Vol. 1”, che nell’intervista esclusiva ha descritto con entusiasmo: è il suo regalo di Natale, per passare le feste accompagnati da dolci sinfonie.

Bruno Santori presenta il nuovo album, “The Best Movie Soundtracks – Vol. 1”

Musica e cinema sono un connubio perfetto, che nel periodo natalizio regala un’atmosfera unica, dai contorni magici e suggestivi. Il maestro Bruno Santori ha parlato del progetto che ha dato vita a “The Best Movie Soundtracks – Vol. 1”, spiegando: “Fino a 10 anni fa e per 5 anni consecutivi mi sono occupato di colonne sonore da film con la Grande Orchestra. Mi sento un pioniere, perché al tempo era un’innovazione. Facevamo concerti a Brescia e in altre città, interpretando le più grandi colonne sonore di film americani e non solo. Mi sono poi concentrato su altri progetti. Sono diventato direttore artistico della Sinfonica di Sanremo e solo dopo, a Malta, ho fondato la Mediterranean Orchestra, che unisce i Paesi del Mediterraneo. Anche Papa Francesco ha detto che il Mediterraneo deve essere un mare che unisce. Così ho ripreso il progetto accantonato tempo prima”.

Poi ha precisato: “Durante il lockdown ho avuto il tempo di riascoltare registrazioni fatte negli anni precedenti. Mi sono accorto che alcune sono veramente belle. È un progetto che nasce da remoto e durante l’isolamento, quando ho iniziato a rieditare alcune composizioni, ma non nasce con l’idea di fare uscire un disco. Solo in seguito ha preso forma l’album. È solo il volume 1: ci sarà un proseguo. Sotto Natale sono al lavoro con la Mediterranean Orchestra: registriamo il nostro concerto per poi dare vita agli altri volumi del disco”.

Bruno Santori nuovo album
Bruno Santori nuovo album

Il Natale porta con sé un simbolo di speranza speciale: qual è il messaggio che l’autore ha voluto inserire nel disco? “Sotto Natale le famiglie si radunano nuovamente e il cinema si rivela un’occasione di riaggregazione. Il mio non è solo un disco, ma un invito a risollevare il concetto di unità, stando insieme in famiglia e non solo. Nella religione cristiana, alla quale io appartengo, la famiglia ha un ruolo importantissimo. Se noi italiani fossimo più capaci di stare uniti e di essere un famiglia, ci eviteremo tanti problemi. Solo aprendoci potremo probabilmente salvare l’umanità, persino il pianeta che sta soffrendo. Il mio disco porta un messaggio di unione e apertura, senza mai dimenticare la propria cultura. Ognuno deve aprire sé stesso”, per realizzare un incontro di anime non tralasciando l’unicità di ciascuno.

Sono proprio la musica e il cinema ad aver accompagnato gli italiani durante il lungo lockdown. Come lo ha vissuto il maestro Santori? Abito a Bergamo. Ho sentito forte – e drammatico – il peso della pandemia. Anch’io ho avuto il Covid e mio fratello è stato in terapia intensiva. Ho visto morire conoscenti e amici a me vicinissimi. Abbiamo vissuto il momento come una grande tragedia. È sembrato veramente un film, qualcosa che mai avrei pensato di vivere”.

Bruno Santori nuovo album
Bruno Santori nuovo album

Quindi ha sottolineato: “Il cinema, come il libro, ci mette di fronte a realtà che noi non conosciamo, ma è estremamente vicino alla nostra vera realtà. Se avessi visto un film o letto un libro con una trama simile a quanto vissuto a Bergamo, io non ci avrei mai creduto. Invece, quanto vissuto nella mia città è uno scenario forse peggiore di qualsiasi trama. Il cinema è importante, ci prepara a qualcosa a cui noi non siamo ancora preparati. Ma anche la musica è centrale, perché veicola delle sensazioni ancestrali. La musica, anche se non è mai stata studiata, suscita emozioni intime e profonde, dalla gioia al pianto. La musica è fondamentale per ciascuno di noi: non è solo di chi la fa, ma anche di tutti coloro che la ricevono. Nel cinema stesso è possibile ascoltare un disco ed emozionarsi, ma quello stesso film se visto senza musica non ha lo stesso valore. Il viaggio emozionale verrebbe meno”.

Bruno Santori, dal nuovo album ai prossimi progetti

Il maestro Bruno Santori non nasconde l’entusiasmo per il suo nuovo disco, ma non mancano i progetti futuri.

“Io e tutta la Mediterranean Orchestra vorremo che la musica aiuti a unificare e trovare un’identità culturale e artistica del Mediterraneo. Noi, insieme ai musicisti dei Paesi del Mediterraneo, vorremo creare un’unità culturale attraverso la musica, che è un linguaggio universale sempre alla portata di tutti. Inoltre, la nostra intenzione è creare un grande evento di unificazione delle religioni e delle culture”, ha spiegato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli