Brusaferro: "La circolazione del virus è sostenuta dai non immunizzati"

·1 minuto per la lettura
Brusaferro
Brusaferro

Silvio Brusaferro parla della crescita del numero di contagi Covid in Italia e ricorda agli italiani l’importanza della campagna vaccinale.

Covid, Brusaferro: l’aumento dei contagi in Italia

Intervistato dal Corriere della Sera, Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità e portavoce del Comitato tecnico-scientifico, ha parlato dell’aumento di contagi Covid verificatosi nell’ultimo periodo in Italia: “In Italia l’incremento è stato netto e generalizzato nell’ultima settimana anche se meno incalzante che in molti altri Paesi, soprattutto dell’Est europeo.”

Covid, Busaferro: la campagna vaccinale

Un altro tema importante, analizzato da Brusaferro è stato quello riguardante la prosecuzione della campagna vaccinale: “Possiamo e dobbiamo insistere sulla vaccinazione e sul rispetto dei comportamenti individuali e sociali, non dimenticando che anche chi ha ricevuto due dosi può contrarre l’infezione seppure in misura minore.”

Covid, Brusaferro: l’appello agli scettici

Infine il presidente del Iss si rivolge ai dubbiosi del vaccino, coloro che non hanno ancora fatto la prima dose: La circolazione del virus attualmente è sostenuta e che la popolazione non immunizzata oltre a rischiare di prendere l’infezione in forma grave contribuisce a tenere sotto pressione gli ospedali e a favorire la diffusione del Sars-CoV-2. I dati non mentono, sono espliciti e facilmente comprensibili. I benefici del vaccino sono inconfutabili. Mi auguro che di fronte a numeri così schiaccianti le persone che esitano colgano l’importanza di partecipare attivamente all’azione di contrasto alla pandemia. Non è soltanto per una questione di tutela della salute personale ma anche per un senso di appartenenza alla comunità.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli