Brusaferro precisa: "Nessun rinvio terza dose per i sanitari"

A medical worker prepares a booster COVID-19 vaccine shot at Santo Spirito hospital in Rome, Italy, Sept. 21, 2021. Italy began administering booster COVID-19 vaccine shots on Monday, after the procedure received the official green light from the country's Medicines Agency AIFA. (Photo by Alberto Lingria/Xinhua via Getty Images) (Photo: Xinhua News Agency via Getty Images)
A medical worker prepares a booster COVID-19 vaccine shot at Santo Spirito hospital in Rome, Italy, Sept. 21, 2021. Italy began administering booster COVID-19 vaccine shots on Monday, after the procedure received the official green light from the country's Medicines Agency AIFA. (Photo by Alberto Lingria/Xinhua via Getty Images) (Photo: Xinhua News Agency via Getty Images)

Per la terza dose di vaccino Covid “non sono previsti rinvii per gli operatori sanitari”. E’ quanto dichiara Silvio Brusaferro, portavoce del Cts.

“Nel costante perseguimento di un’ottica di massima precauzione, la somministrazione di un’ulteriore dose di vaccino viene indicata progressivamente per gli ultraottantenni, i residenti nelle RSA, persone ultrafragili e operatori sanitari a partire da quelli più a rischio”, si legge in una nota.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli