Brusaferro: "In classe con la mascherina anche se tutti vaccinati"

·1 minuto per la lettura
Monitoraggio
Monitoraggio

Il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro si è mostrato contrario al proposito del governo di estendere la validità del tampone molecolare a 72 ore: la variante Delta, ha spiegato, corre veloce e, più il tempo passa, più può aumentare il rischio di esposizione all’infezione.

Brusaferro sul tampone di 72 ore

Intervistato da La Stampa, l’esperto ha spiegato che anche se la circolazione del Covid in Italia è più contenuta rispetto ad altri Paesi europei, occorre comunque prestare la massima attenzione. Di qui la sua contrarietà ai tamponi validità per 72 ore anziché 48: “L’incubazione con la variante Delta è più veloce e, più tempo passa dall’esecuzione del test, più può aumentare il rischio di esposizione al virus“.

Quanto alla scuola, Brusaferro ha bocciato l‘idea di non utilizzare la mascherina in presenza di classi totalmente vaccinate. Quello è lo scenario di arrivo, ha spiegato: con un numero sempre più alto di persone immunizzate si cercherà di ridurre le misure di sicurezza, ma “oggi non siamo ancora in questa condizione“.

Brusaferro sul tampone di 72 ore e la terza dose

Per ciò che riguarda infine la terza dose, ha affermato che gli esperti stanno ancora valutando se, quando e a chi fare un’ulteriore iniezione oltre ai fragili e agli anziani: “Il tema non è una terza dose a pioggia, è un’ipotesi che potrebbe svilupparsi con percorsi differenziati in funzione del rischio individuale e della competenza immunitaria delle persone“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli