Bryan Dodien muore a 17 anni. Il calciatore aveva militato nelle giovanili della Juventus

·1 minuto per la lettura
Bryan Dodien (Photo: Repubblica)
Bryan Dodien (Photo: Repubblica)

Il mondo del calcio è in lutto. Un giovane calciatore che ha a lungo militato nelle giovanili del club bianconero è morto. A Bryan Jocelyn Dodien, ragazzo classe 2004, ad appena 11 anni, era stato diagnosticato un tumore che lo aveva costretto a restare a lungo lontano dai campi di gioco, prima dell’agognato ritorno, il 6 gennaio 2019, con l’Under 15. Una recidiva della malattia è stata però purtroppo fatale al giovane, che attualmente vestiva la maglia del Chisola, nel campionato Allievi. A darne la notizia è Repubblica.

È stata la società bianconera a dare la brutta notizia. “La Juventus si stringe nel dolore con la famiglia di Bryan Dodien” ha scritto su Twitter il club torinese.

Anche il calciatore Paul Pogba, appresa la tragica notizia, ha salutato Dodien rivolgendo un pensiero alla sua famiglia sui suoi profili social. ”È la più triste delle notizie. Tutte le mie preghiere vanno ai suoi cari. Perdere una persona che si ama non è mai facile, ma io non ti dimenticherò mai. Hai lottato tanto, sei stato forte, un esempio per tutti. Ciao piccolo amico mio”. Pogba, che nel 2015 indossava la maglia bianconera, aveva deciso di dare sostegno a Dodien. Gli aveva anche dedicato un gol segnato in un derby di Coppa Italia, vinto 4-0 dalla Juventus, il 16 dicembre 2015. “Bryan sono con te” aveva scritto su una maglietta al termine della sfida.

Dodien, quand’era tornato a giocare nel 2019 aveva pubblicato una foto con scritto: “Dopo tre anni di lotta oggi sono tornato in campo”. Il giovane calciatore non è riuscito però a vincere la sfida più importante.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli