Btp deboli con emissione via sindacato in quadro concambio, spread a 310

Un trader al lavoro alla NYSE di New York, ieri. REUTERS/Brendan McDermid

MILANO (Reuters) - Il secondario italiano prosegue la seduta nel segno della debolezza già vista ieri in chiusura, in una giornata -- quella di oggi -- appesantita anche dall'emissione via sindacato che va a fare da contraltare al riacquisto fino a 3 miliardi del Btp Italia aprile 2020.

** "Lo spread a questi livelli incorpora un downgrade da parte di Moody's con outlook stabile" dice un trader italiano. "Ma si potrebbero vedere ulteriori vendite in caso di un taglio superiore a un notch o dell'attribuzione di un outlook negativo. Lo spread appare ampio, non lontano dai massimi della seduta di ieri. Sul mercato pesa quella che di fatto è una vera e propria emissione via sindacato: i cinque titoli offerti a fronte del riacquisto del Btp Italia aprile 2020".

** Si tratta dei Btp dicembre 2025, marzo 2026, febbraio 2028, novembre 2029 e settembre 2046. Il riacquisto del Btp Italia sarà indicativamente pari a 3 miliardi, in un'operazione concentrata sugli investitori istituzionali che, come ricorda una nota di UniCredit, si inserisce coerentemente nel quadro di quanto già indicato nelle strategie di finanziamento del 2018 e che dovrebbe aiutare ad alleggerire i rimborsi del 2020. Il Btp Italia 2020 ha un ammontare in circolazione di 20,5 miliardi.

** Gli ordini degli investitori sui cinque Btp nominali hanno intanto superato quota 7 miliardi, dice una fonte vicina al deal [L8N1WY2SR].

** Sul fronte delle aste si sono invece attivate oggi Francia e Spagna. La prima ha collocato 8 miliardi su tre Oat, Madrid invece ha assegnato 4,5 miliardi di quattro titoli.


Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia