Buccinasco, Forte: omicidio è monito, Stato non mostri debolezza

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 12 ott. (askanews) - "La palese e plateale ostentazione di potere di ieri a Buccinasco deve essere un monito per lo Stato e per la Comunità europea. Non si può continuare a parlare di smantellamento del carcere ostativo, di concessione dei permessi premio in assenza di collaborazione con la giustizia perché questi sono tutti messaggi di debolezza delle istituzioni. Questo costante e inesorabile indebolimento di un sistema giudiziario e di strumenti specifici nati e cresciuti sulla pelle di magistrati, cittadini, membri delle forze dell'ordine, donne e uomini della politica e delle istituzioni morti per contrastare le mafie, non è più tollerabile". E' quanto ha dichiarato in una nota, la la presidente della Commissione regionale antimafia della Regione Lombardia, Monica Forte.

"Oggi più che mai, in un momento di crisi economica e tensione sociale che stanno mettendo a rischio il welfare e l'economia legale sotto attacco delle mafie, non possiamo consentire loro di mostrare controllo del territorio e senso di impunità perché questo si traduce in consenso sociale" ha continuato Forte, concludendo "lo Stato non mostri debolezza perché le mafie ne approfittano perseguendo come fine ultimo l'alternatività alle istituzioni più del profitto".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli