Buckingham Palace: Carlo III sarà proclamato re sabato mattina

.Il nuovo Re Carlo III, principe di Galles dal 1958, ha un carattere diverso dalla madre, come ha dimostrato il lunghissimo apprendistato da erede della Corona. Un uomo interessante che spesso ha attirato su di sè critiche ed accuse di eccentricità.

La militanza ecologista, l'impegno sociale, le episodiche esternazioni ritenute fuori dai rigidi confini entro cui si esprimono in pubblico i membri della casa reale, tanto più quanto più vicini al trono, e, infine, i contraccolpi della vicenda matrimoniale e della drammatica scomparsa della prima moglie, la principessa Diana, hanno messo in ombra lo spessore culturale ed umano del nuovo Re.

Non a caso, negli anni sono ripetutamente affiorate ipotesi che potesse essere estromesso nella successione a favore del figlio, il principe William, sinora Duca di Cambridge.

Ipotesi non solo smentita dai fatti, ma che appariva temeraria e fantasiosa perché avrebbe determinato una distorsione istituzionale talmente vistosa da procurare svantaggi superiori agli ipotetici vantaggi di avere sul trono una coppia giovane ed attraente come i duchi di Cambridge adesso assurti alla dignità di principi ereditari.

Tra l'altro, quella che taluni avevano giudicata una potenziale zavorra per Carlo, la seconda moglie Camilla ora "regina consorte", ha saputo conquistarsi le simpatie generali con la sua concretezza, la sua diligenza la sua personalità in cui gli inglesi si riconoscono felicemente.

Il nuovo sovrano è ingabbiato nei collaudati meccanismi di palazzo e del raccordo con il gabinetto, il che non lascia spazio di intervento politico all'infuori di quello che rimane l'unico segreto gelosamente protetto, cioè il contenuto delle conversazioni settimanali tra il re ed il suo primo ministro.

Non è mai trapelato cosa si dicano ed in che misura gli indirizzi di governo tengano conto del parere del sovrano.

Re Carlo arriva sul trono con il bagaglio dei molti interessi coltivati e dell'impegno sociale maturato da principe di Galles. Li esprimerà, probabilmente senza l' imperturbabilità della madre, nei limiti consentiti. Continueremo invece a non sapere come li farà valere nei confronti del primo ministro. Non vi è dubbio comunque che la lunghissima attesa abbia giovato a Carlo. Con l’avanzare dell’età della madre, e anche a causa della scomparsa del padre, Duca di Edimburgo, il Principe di Galles ha man mano assunto maggiori compiti, al fianco della Sovrana o da solo, ed il pubblico ha imparato a conoscerlo ed apprezzarlo.

L'atteso discorso alla nazione di Carlo in veste di nuovo re del Regno Unito, questo venerdì, sarà trasmesso alla 17 locali, le 18 in Italia, Lo ha reso noto lo speaker della Camera dei Comuni a margine di una seduta commemorativa in onore della regina Elisabetta, morta ieri a 96 anni.