A Buenos Aires l’onda verde delle donne per aborto legale subito

·2 minuto per la lettura
A Buenos Aires l’onda verde delle donne per aborto legale subito
A Buenos Aires l’onda verde delle donne per aborto legale subito

Roma, 19 nov. (askanews) – “Aborto legale ora”, “Aborto legale 2020, è urgente”. Con questi slogan una marea di donne con in mano fazzoletti verdi e sommersa da fumogeni dello stesso colore, ha manifestato fuori dal Parlamento di Buenos Aires, dopo che il presidente argentino Alberto Fernandez ha annunciato che presenterà un nuovo progetto di legge per la legalizzazione dell’interruzione di gravidanza in Argentina.

La manifestazione a cui hanno partecipato centinaia di donne è una replica del “panuelazo”, l’onda verde che già nel 2018 e a febbraio 2020 si è radunata sulla piazza del Congresso per chiedere di legalizzare l’aborto.

“È sempre stato difficile per il femminismo e per il movimento delle donne e le femministe organizzate – spiega l’attivista, Yamila Piccaso – abbiamo fatto campagna per 15 anni, ma ancora una volta in un momento storico, ci sono state le elezioni, e non è più lo stesso parlamento che conoscevamo nel 2018, e per questa stessa ragione sarà all’altezza della storia e salderà questo debito di democrazia che ha con le donne e le gestanti”.

“Ci sono moltissime similitudini e anche alcune preoccupazioni riguardanti l’obiezione di coscienza – aggiunge un’altra attivista, Maria Victoria Matheu – la criminalizzazione delle donne e l’educazione sessuale complessiva, che non crediamo siano abbastanza approfondite, il dibattito è aperto, siamo qui”.

“Finalmente diamo il benvenuto a questa presentazione (di legge), però chiediamo delle condizioni – afferma un’altra pro-choice, Martina Ferretto – per un iter esaustivo, veloce e immediato, che possa generare le condizioni senza scatenare messaggi di odio e disinformazione perché il dibattito lo abbiamo già vinto nel 2018 e questo è il momento che l’iter sia il più veloce e immediato possibile affinché il nostro diritto diventi legge”.

Nel Paese a maggioranza cattolica, dove è nato Papa Francesco, è la nona volta che viene presentato un progetto di legge sulla legalizzazione dell’interruzione di gravidanza. Solo una volta però, nel 2018, il progetto è arrivato in aula, dove è stato approvato dai deputati, ma respinto al Senato. Questa è la prima volta che il progetto viene presentato dal governo. In Argentina l’aborto è possibile solo in caso di violenza o pericolo per la vita della donna, legislazione che risale al 1920.