Bufera contro Bruno Vespa per l'intervista a Lucia Panigalli, vittima di violenza

Adalgisa Marrocco

“Lei è fortunata, perché è sopravvissuta. Tante donne vengono uccise”. Polemica per l’intervista fatta martedì sera da Bruno Vespa a Lucia Panigalli, sopravvissuta a un tentativo di omicidio da parte dell’ex compagno nel 2010 e ora sotto scorta. Pubblico, associazioni e utenti social hanno criticato le frasi e i toni utilizzati durante la trasmissione.

VIDEO - “Se avesse voluto ucciderla, l’avrebbe fatto”. Polemiche per l’intervista di Vespa alla donna vittima di violenza 

 

“Dal minuto 01,08,56 Bruno Vespa intervista la signora Lucia Panigalli vittima di un tentativo di.omicidio da parte del ex compagno. Il tono dell’intervistatore tra risolini, negazioni, battutine è semplicemente intollerabile. Questo non è giornalismo, questa è spazzatura”, ha scritto l’associazione Non Una Di Meno Firenze.

“Se avesse voluto ucciderla l’avrebbe uccisa”: questa è una delle frasi che, pronunciate dal conduttore durante l’intervista, hanno suscitato indignazione.

“Una donna che ha subito violenze, fino al tentato omicidio, e che è costretta a vivere sotto scorta. E un giornalista che sminuisce, e arriva a dire: “Però se avesse voluto ucciderla, l’avrebbe uccisa...”. Una vergogna per il Servizio Pubblico”, ha scritto la segretaria di Possibile Beatrice Brignone su Twitter ricevendo moltissime condivisioni.

Bruno Vespa replica: 

Mi sono dimesso il 23 gennaio 2016 dalla Federazione Nazionale della Stampa per il carattere violento, pretestuoso e settario delle sue polemiche nei miei confronti. Il mio giudizio si rafforza alla luce dell’incredibile dichiarazione di oggi. Credo sia la prima volta in assoluto che un giornalista viene criminalizzato a causa di  una trasmissione per la quale viene al tempo stesso ringraziato dall’avvocato della sua presunta vittima. La cosa è tanto più grave perché le principali agenzie di stampa avevano diffuso già ieri sera la dichiarazione dell’avvocato Giacomo Forlani difensore della...

Continua a leggere su HuffPost