Bufera sull’esponente di Forza Italia: “Olio di ricino per sinistrati”

Bufera sull’esponente di Forza Italia: “Olio di ricino per sinistrati”

Sta scatenando aspre polemiche la fotografia pubblicata sui social dal coordinatore di Forza Italia per la città di Rimini Umberto Casalboni, nella quale mostra una bottiglia di olio di ricino definendola un aperitivo per sinistrati delusi. L’immagine era stata postata nella giornata del 25 gennaio, 24 ore prima dell’apertura dei seggi per le elezioni regionali in Emilia Romagna nelle quali il candidato del centrosinistra Stefano Bonaccini è stato riconfermato come governatore e dove Forza Italia è crollata a un minimo storico del 2,56%.

Olio di ricino: bufera su Forza Italia

Attenendosi ad alcuni pronostici delle ultime ore che davano in leggero vantaggio la candidata del centrodestra Lucia Borgonzoni, Casalboni preannunciava infatti una prossima sconfitta del Pd scrivendo sul suo post le seguenti parole: “Cari amici, il mio amico barista ha fatto provviste per far digerire la sconfitta ai sinistrati. Da lunedì aperitivi gratis per tutti i sinistrati delusi”, corredando il messaggio con la foto di una bottiglia di olio di ricino a richiamare il triste uso che ne faceva il regime fascista contro i dissidenti politici.

olio-di-ricino

Un post che tuttavia non è stato (è proprio il caso di dirlo) ben digerito dagli stessi militanti di Forza Italia, che hanno attaccato il coordinatore Casalboni per la sua uscita: “Mi dispiace, ma mi hai deluso con l’ultimo post!! Quello che hai messo è proprio una cosa da fascisti!!!”. Tuttavia a seguito della sconfitta elettorale patita dal centrodestra – e in particolare da Forza Italia – il coordinatore ha deciso di rimuovere il post incriminato dalla sua pagina Facebook.

Casalboni peraltro era stato nominato coordinatore della sezione riminese di Forza Italia da poco più di un mese, lo scorso 7 dicembre. La provincia di Rimini è stata inoltre una delle poche dell’Emilia Romagna a votare a maggioranza per Lucia Borgonzoni, che nella circoscrizione corrispondente ha ottenuto il 47,59% contro il 46,37% dell’avversario Bonaccini.