Bugo-Morgan, ci risiamo: la "fuga" termina in Tribunale

·1 minuto per la lettura

"Sincero" sì, forse anche troppo. Dopo aver storpiato la canzone che lo vedeva in gara a Sanremo 2020 con Bugo e la conseguente fuga dal palco del cantante, Marco Castoldi, in arte Morgan, finisce in Tribunale. A chiamarlo in causa è lo stesso Cristian Bugatti, che chiede il maxi risarcimento dopo la brutta figura alla kermesse canora.

I due, a più di un anno di distanza dall'accaduto, si ritroveranno nelle aule del Tribunale per risolvere il conflitto. "Le brutte intenzioni, la maleducazione", questo l'incipit della canzone modificata sul palco dell'Ariston che ha fatto infuriare Bugatti tanto da abbandonare la performance causando la squalifica dei due dal Festival. Per il danno d'immagine procurato Bugo ha chiesto i danni e di essere risarcito per la condivisone della canzone (l'originale e la versione modificata) sui social, con un conto presentato dagli avvocati di circa 240mila euro.

Morgan, tramite social, se l'è presa con chi gli ha espresso solidarietà: "Inutile farmi auguri voi che non avete voluto fare nulla di concreto per darmi un vero aiuto, voi che non avete levato la voce d’indignazione. Avete contribuito al mio silenziamento soffocante operato da una cantante che se la spassa tra concerti e pubblicazioni e fa finta di niente quando dovrebbe vergognarsi per la vigliaccata schifosa in cui mi ha trascinato. Grazie dei vostri cuoricini, grazie di cuore".

VIDEO - Chi è Morgan