Bulgaria: il partito conservatore Gerb vince le elezioni, il nodo alleanze

L’ex premier bulgaro Boiko Borissov avrà una nuova chance per governare il Paese. È lui, infatti, candidato del partito conservatore Gerb, il vincitore delle elezioni politiche in Bulgaria. La vittoria, riconosciuta dagli avversari, gli è stata assegnata a scrutinio ancora in corso: il partito conservatore Gerb si attesta primo, col 33 % dei voti, secondi i socialisti filorussi col 28 %. Ora la sfida è quella del governo e non è facile.“Come Paese abbiamo la rara opportunità di assumere la presidenza del consiglio dell’Unione Europea nel mese di gennaio. Dobbiamo costruire un governo stabile nei mesi a venire, e un’opposizione stabile, così, con un senso di responsabilità. La situazione è molto complicata ma dobbiamo fare del nostro meglio per unire la nazione” – ha detto Borissov.

Bulgaria, elezioni: in testa il partitoconservatoreGerbdell’ex premier Borissovhttps://t.co/s5MKwKOaHg pic.twitter.com/lQhBWw55o7— euronewsItaliano (@euronewsit) 27 marzo2017

A novembre Borissov si era dimesso dopo la sconfitta del suo partito alle presidenziali. Sono seguite elezioni anticipate .

Damian Vodenticharov, giornalista Euronews, Sofia: “La chiamata di Borissov all’unità nazionale precede colloqui difficili con potenziali partner nel nuovo parlamento, cosa che potrebbe richiedere settimane, o addirittura mesi. E una scadenza incombente è la scelta di un nuovo commissario europeo da parte della Bulgaria”.

Borissov dovrà cercare alleanze almeno con un paio di formazioni, i socialisti hanno già fatto sapere di non voler entrare in una grande coalizione: “Se Gerb ci chiama ad allearci, diremo no. Ci sono principi in politica, abbiamo sempre dichiarato durante la campagna che i nostri programmi sono completamente opposti e come alternativa al Gerb il nostro obiettivo è quello di cambiare lo status quo.” – ha detto Kornelia Ninova, leader del partito socialista.

Un puzzle, quello delle alleanze, da risolvere in fretta anche perché a maggio dovrà esserci un governo in grado di nominare un commissario europeo bulgaro al posto di Kristalina Georgieva che ha lasciato Bruxelles per diventare Ceo della banca mondiale.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità