Bullismo, Ronzulli (Fi): scuole e istituzioni latitanti

Pol/Tor

Roma, 11 set. (askanews) - La sentenza della Cassazione che legittima la difesa delle vittime di bullismo contro i loro aguzzini, ha toccato un tema di grande attualità. La sentenza, infatti, interviene laddove le istituzioni e la scuola hanno creato un vero e proprio vuoto, lasciando le vittime sole nell'affrontare il conflitto, esimendosi troppo spesso dalla condanna pubblica e sociale dei loro aguzzini. Nell'ambito dell'indagine sul bullismo alla quale la Commissione Infanzia ha lavorato assiduamente in questi mesi, si è rilevata la necessità di migliorare l'attuale assetto legislativo in tema di bullismo, nonostante i passi avanti apportati dalla legge Ferrara n. 71/2017". Lo dichiara la senatrice di Forza Italia Licia Ronzulli.

"Purtroppo - ha sottolineato- è indubbio che scuola e istituzioni abbiano latitato nell'intervenire efficacemente contro il diffondersi di una piaga sempre più diffusa tra i giovanissimi e per questo ritengo indispensabile che docenti e dirigenti scolastici, recuperino un ruolo da protagonista nel contrasto al bullismo, evitando che le vittime ricorrino alla giustizia fai da te. La giustizia riparativa non può essere risolutiva, ma bisogna prevenire l'insorgere del fenomeno. Mi appello anche alle famiglie che dovrebbero costituire il pilastro principale del percorso educativo dei loro figli: educhiamo i nostri figli al rispetto e alla convivenza civile".