Burger King sfida Mc Donald's con i suoi “Unhappy Meals”

alessandro frau
Burger King lancia una linea di menu “unhappy”. Infelici. E se da una parte c'è una nuova sfida alla proposta dei principali rivali, gli “happy meals” di Mc Donald's, dall'altra c'è anche la volontà di sensibilizzare i clienti sui temi legati alla salute mentale, alla depressione e al fatto che, nonostante tutto, nessuno è sempre felice. E questo non è sbagliato.La nuova campagna sembra voler ricalcare alcuni degli slogan che avevano scandito la diffusione della catena negli anni '70”. Il concetto di “Have it your way” (fallo a modo tuo) sembra rinascere nel moderno hashtag FeelYourWay che pone maggiore attenzione su ciò che ciascuno di noi prova e sente. Anche la musica scelta per il video di lancio, apparso su YouTube il primo maggio, sembra suggerire questa riflessione introspettiva.Burger King, che appartiene al marchio Restaurant Brands International, ha sviluppato questa nuova campagna con l'organizzazione senza scopo di lucro, Mental Health America. Secondo quanto riporta CNBC, il presidente e amministratore delegato del gruppo, Paul Gionfriddo, ha dichiarato che, nonostante non sia usuale l'abbinamento fast food-malattia mentale, “crediamo nella possibilità di diffondere questo messaggio in tutte le comunità in modo da sensibilizzare sul tema della malattia prima che arrivi alla fase 4, quella che presenta sintomi gravi”. Burger King, insomma, rappresenta un ottimo modo tramite cui arrivare a una sempre più vasta fetta di cittadini americani.I nuovi menù si chiamano Blue Meal, Salty Meal, Yaas Meal e DGAF (acronimo di don't give a f***) Meal. Ogni menù prevede un panino Whopper (con hamburger di manzo alla griglia), patatine fritte e una bevanda a scelta. Per ora sarà disponibile sono negli Stati Uniti e per un periodo di tempo limitato. Ma non è escluso che l'iniziativa possa essere ripetuta e diffusa anche in altri paesi.

Burger King lancia una linea di menu “unhappy”. Infelici. E se da una parte c'è una nuova sfida alla proposta dei principali rivali, gli “happy meals” di Mc Donald's, dall'altra c'è anche la volontà di sensibilizzare i clienti sui temi legati alla salute mentale, alla depressione e al fatto che, nonostante tutto, nessuno è sempre felice. E questo non è sbagliato.

La nuova campagna sembra voler ricalcare alcuni degli slogan che avevano scandito la diffusione della catena negli anni '70”. Il concetto di “Have it your way” (fallo a modo tuo) sembra rinascere nel moderno hashtag #FeelYourWay che pone maggiore attenzione su ciò che ciascuno di noi prova e sente. Anche la musica scelta per il video di lancio, apparso su YouTube il primo maggio, sembra suggerire questa riflessione introspettiva.


Burger King, che appartiene al marchio Restaurant Brands International, ha sviluppato questa nuova campagna con l'organizzazione senza scopo di lucro, Mental Health America. Secondo quanto riporta CNBC, il presidente e amministratore delegato del gruppo, Paul Gionfriddo, ha dichiarato che, nonostante non sia usuale l'abbinamento fast food-malattia mentale, “crediamo nella possibilità di diffondere questo messaggio in tutte le comunità in modo da sensibilizzare sul tema della malattia prima che arrivi alla fase 4, quella che presenta sintomi gravi”. Burger King, insomma, rappresenta un ottimo modo tramite cui arrivare a una sempre più vasta fetta di cittadini americani.

I nuovi menù si chiamano Blue Meal, Salty Meal, Yaas Meal e DGAF (acronimo di don't give a f***) Meal. Ogni menù prevede un panino Whopper (con hamburger di manzo alla griglia), patatine fritte e una bevanda a scelta. Per ora sarà disponibile sono negli Stati Uniti e per un periodo di tempo limitato. Ma non è escluso che l'iniziativa possa essere ripetuta e diffusa anche in altri paesi.