Burioni: andamento casi dipenderà anche da cambio metodo tamponi

Mda

Milano, 27 feb. (askanews) - Per il virologo Roberto Burioni un eventuale stabilizzazione del numero dei casi di contagio da coronavirus deve tenere in considerazione la diversa gestione dei casi "perché se, come sentivo, cambiano il modo in cui fanno i tamponi questo potrebbe disturbarci l'osservazione. E' chiaro che se io misuro diversamente il peso di qualcosa, il peso è diverso". Burioni, intervistato questa mattina ai microfoni di RTL 102.5 durante "Non Stop News", ha replicato alle affermazioni del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, che ha rimandato al week end una valutazione di un'eventuale inversione di tendenza nei contagi, osservando che "se in questi giorni i casi aumentano non dobbiamo preoccuparci perché è certo che questo avvenga. Perché noi vediamo oggi quello che è successo sette giorni fa: una persona si infetta oggi e si ammala fra sette giorni. Se queste misure sono efficaci, verosimilmente fra qualche giorno vedremo i casi stabilizzarsi e questo sarà un segno molto positivo. Certo, non deve dipendere da una differente gestione dei casi".

Burioni ha voluto ripetere il suo appello: "'Niente panico'. Conosco l'argomento molto bene, ho una moglie e una figlia di nove anni e non ho fatto spese al supermercato, non sto facendo di diverso dalla mia vita normale, adotto solo un po' più di attenzione, quelle attenzioni che ho sempre adottato per non prendere l'influenza, come lavarmi le mani e via dicendo".