Burioni a favore della Superlega: "Almeno si parla di calcio e non di vaccini"

·2 minuto per la lettura
burioni superlega
burioni superlega

Tra i tanti commenti negativi sull’istituzione della nuove Superlega calcistica nelle ultime ore è spuntato il parere favorevole del virologo Roberto Burioni, che in un messaggio pubblicato su Twitter ha deciso di prendere ironicamente la polemica scatenatasi dichiarando che almeno in questo modo tutti i presunti esperti del web per un po’ di tempo non parleranno a sproposito di vaccini e coronavirus.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Superlega, l’opinione di Roberto Burioni

Nel tweet pubblicato nella giornata di lunedì 19 aprile, Burioni ha infatti affermato: “Sono molto favorevole alla SuperLega perché da questa mattina tutti i Wikipardi da Vinci dell’internet non mi spiegano i vaccini e i virus perché sono tutti impegnati a parlare di calcio. Speriamo che duri”. Una vera e propria tregua mediatica per il virologo, le cui parole sono state riprese anche dall’esponente di Fratelli d’Italia Guido Crosetto, che ha risposto al tweet commentando: “Un popolo (tutti) di allenatori, già virologi”.

Nelle scorse ore il progetto della Superlega era stato criticato persino dal presidente del Consiglio Mario Draghi che ha spinto per la preservazione degli attuali campionati nazionali: “Il Governo segue con attenzione il dibattito intorno progetto della Superlega calcio e sostiene con determinazione le posizioni delle autorità calcistiche italiane ed europee per preservare le competizioni nazionali, i valori meritocratici e la funzione sociale dello sport”. Parole quelle di Draghi che vanno nella stessa direzione di quelle pronunciate da Boris Johnson, Emmanuel Macron e dalle principali autorità calcistiche del continente, in primis Fifa e Uefa.