Burioni, Minelli: "Medico accetti critiche e recuperi toni consoni"

·1 minuto per la lettura

"Da medici non possiamo accogliere solo gli applausi di chi ci definisce eroi, anche i fischi fanno parte del pacchetto democratico. Ritengo necessario, quindi, recuperare i toni e le modalità più consone al ruolo del medico, senza farsi mai trascinare nel vortice dello scontro selvaggio, e rinunciando a far prevalere il nostro pensiero come l'unico e il solo pensiero di verità su questa terra". Lo sottolinea all'Adnkronos Salute l'immunologo clinico e allergologo Mauro Minelli, coordinatore per il Sud Italia della Fondazione per la Medicina Personalizzata, intervenendo sulla scelta del Codacons di denunciare il virologo Roberto Burioni, chiedendone la radiazione dall'Ordine dei medici, per il post su Twitter in cui scriveva: "Propongo una colletta per pagare ai no-vax gli abbonamenti a Netflix per quando, dal 5 agosto, saranno agli arresti domiciliari chiusi in casa come dei sorci".

"Anche perché altre cominciano ad essere le vere emergenze, non ultima tra queste il fallimento di Covax che, rispetto al più noto 'no-vax', ha come differenza un'unica lettera d'alfabeto, ma come conseguenze ha esiti devastanti dei quali nessuno, politici in testa, sembra curarsi a fronte di alert rimasti finora del tutto inascoltati", rimarca Minelli.

"Sospettavamo che un'emergenza di questa portata avrebbe prodotto conseguenze importanti sul piano sociale e perfino morale, ma confesso di non mai immaginato che si potesse raggiungere un tale livello di scontro ideologico - conclude l'immunologo - La questione della necessità di vaccinarsi va distinta dall'obbligo di vaccinarsi, perché ai bisogni delle persone non si può rispondere con le imposizioni, bensì col dialogo. La scienza va spiegata con metodo e stile, altrimenti la gente la rifiuterà come si rifiuta un tiranno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli