Burkina Faso, attentato jihadista a base militare: almeno 24 morti

burkina faso attentato

Sono almeno 24 i soldati uccisi nel corso di attacco terroristico avvenuto lunedì 19 agosto 2019 contro una base militare a Koutougou, nella provincia settentrionale di Soum, in Burkina Faso al confine con il Mali. Roch Kabore, il presidente dello Stato sito in Africa occidentale, ha informato inoltre che nell’attentato sono rimasti feriti altri sette militari mentre cinque sono ancora dispersi.

L’attentato alla base militare

“In risposta a questo attacco barbaro, è stata messa in campo una grande operazione aerea e terrestre che ha portato alla neutralizzazione di numerosi jihadisti“, ha poi rivelato il presidente Roch Kabore. All’agenzia di stampa AFP una fonte ha rivelato che gli attentatori hanno utilizzato armi pesanti e incendiato gran parte della base dell’esercito nazionale.

La stessa fonte ha poi spiegato che “diverse dozzine di terroristi” sono giunti a bordo di moto e camioncini. “È chiaramente un attentato che è stato ben preparato e coordinato da diversi gruppi terroristici. – sottolinea – Hanno sparato con armi pesanti, compresi i razzi, e dato fuoco a diversi locali, mezzi e depositi di armi”.

Il Burkina Faso sotto attacco dei terroristi

Come riporta Aljazeera.com, la maggior parte degli attacchi nel Paese sono attribuiti al gruppo Ansar ul Islam, attivo dal dicembre 2016, e al JNIM (Jamaat Nusrat al Islam wa al Muslimin), gruppo islamista che ha giurato fedeltà ad Al-Qaida nel Maghreb. In quattro anni, capitale del Burkina Faso, Ouagadougou, è stata attaccata tre volte ed in totale si contano oltre 500 morti.

L’attentato rischia di generare anche una crisi di governo poiché il partito di opposizione Union for Progress and Change (UPC) ha chiesto il 20 agosto all’esecutivo di dimettersi, accusandolo di non essere riuscito a contrastare la crescente minaccia rappresentata dai gruppi armati terroristici.