Burkina Faso, venti civili uccisi in attacco uomini armati -2-

Fco

Roma, 3 feb. (askanews) - La notizia dell'attacco, avvenuto due giorni fa, è arrivata quando la Francia ha annunciato che avrebbe inviato altri 600 soldati nella regione del Sahel, portando il numero totale di truppe francesi a oltre 5mila. L'anno scorso ha registrato il più alto numero di morti a causa di conflitti armati nella regione dal 2012, con oltre 4mila persone uccise.

La crisi di sicurezza nel Sahel è iniziata quando un'alleanza di militanti separatisti e islamisti ha preso, nel 2012, il controllo del Mali settentrionale. La Francia ha quindi lanciato un intervento militare contro di loro.

Malgrado nel 2015 sia stato firmato un accordo di pace, non è mai stato pienamente attuato. Da allora sono emersi nuovi gruppi armati che si sono allargati fino al Mali centrale, al Burkina Faso e al Niger, compresi i gruppi collegati ad al Qaida e allo Stato Islamico.