Bussetti indagato dalla Corte dei Conti per 80 “viaggi fantasma”

bussetti corte dei conti

Dopo il Miur, anche la Corte dei Conti indaga sulle presunte “missioni fantasma” di Marco Bussetti. Il fascicolo è stato aperto dalla Procura del Lazio, che ha raccolto la documentazione relativa a tutti i trasferimenti dell’ex ministro dell’Istruzione nel corso del suoi 14 mesi a Palazzo Chigi. Dei 133 viaggi registrati, per una spesa totale di 25.456,24 euro, sono 80 quelli senza giustificazione, due terzi dei quali diretti verso la Lombardia (dove Bussetti risiede). Tra i “viaggi fantasma” da accertare c’è però anche un trasferimento in Costa Azzurra risalente al 21 giugno 2018 (lo stesso fine settimana in cui a Roma si teneva un Cdm) e un altro per permettere a Bussetti di partecipare al compleanno di Matteo Salvini.

Bussetti indagato dalla Corte dei Conti

L’indagine, aperta dal procuratore regionale Andrea Lupi, è stata affidata al vice Massimiliano Minerva, che ha già all’attivo importanti inchieste come quella sul palazzo occupato da CasaPound e Mafia Capitale. Sul caso è già intervenuto il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, che ha avviato un’indagine interna. L’intervento della Corte dei Conti sul caso Bussetti è stato sollecitato dal deputato del Pd Ubaldo Pagano. Liberi e Uguali e il M5s hanno fatto richiesta di un’interrogazione parlamentare.

Bussetti è stato raggiunto dalla troupe delle Iene, fuori dalla sua abitazione di Gallarate. Interrogato sul caso, ha fornito risposte vaghe (“non ricordo“, “se ho sbagliato l’ho fatto in buona fede”). L’ex ministro ha assicurato che “tutte le trasferte sono state vidimate dagli uffici interni“, ma di essere comunque pronto a “rispondere nelle sedi opportune”.